lunedì 20 febbraio 2012

La ribollita (versione semplificata)


Olio extra vergine d’oliva, quattro spicchi d’aglio schiacciati, una cipolla tagliata a pezzetti, una lattina di pelati, una lattina di fagioli canellini, un cavolo verde, 400 gr. di pane casereccio raffermo.

Soffriggere appena aglio e cipolla nell’olio.
Aggiungere i pelati (schiacciati con la forchetta) con tutto il loro sugo. Lavare e asciugare il cavolo, tagliare le nervature, tagliare le foglie a striscioline, metterle in pentola aggiungendo acqua fino a metà, portare a bollore. Aggiungere i fagioli e cuocere qualche minuto mescolando. Sale e pepe a piacere.
Preparare le ciotole di terracotta, in cui alternerete uno strato di verdure a una fetta di pane.
La tradizione vuole che la ribollita riposi tutta la notte. Ma se non possiamo aspettare un’ora può bastare, rimetterla al fuoco bassissimo. Versare al centro della pentola dell'olio extravergine d'oliva, far bollire ancora lentamente facendo attenzione che la zuppa non si attacchi al fondo
.

Con piccole varianti da: La cucina degli ingredienti magici di Jael McHenry

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace anche la tua nuova grafica, ti ho messo nei gadgets, così ti ritrovo subito.

      Ciao

      Patty

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina